domenica 26 febbraio 2017

La tartaruga di Trilussa

Mentre, una notte, se n’avvava a spasso,
la vecchia Tartaruga fece er passo
più lungo de la gamba e cascò giù
co’ la casa vortata sottinsù.
Un Rospo je strillò: – Scema che sei!
Queste so’ scappatelle
che costeno la pelle…
– Lo so: – rispose lei –
ma, prima de morì vedo le stelle. 
TRILUSSA
 

6 commenti:

  1. Spesso vale la pena rischiare....Ciaoo.

    RispondiElimina
  2. Un grande, Trilussa,scrivendo di bestie parlava agli umani.
    Ciao Stefania,
    fulvio.

    RispondiElimina
  3. La saggezza delle favole di Trilussa, abbinata alle tue belle foto. Un saluto

    RispondiElimina
  4. Ciao Stefy, ammiro molto Trilussa e la sua ironia.
    Nella vita bisogna osare
    Molto bella la foto
    Buona serata Rachele

    RispondiElimina